COMMEMORAZIONE DELLA STRAGE DI BOLOGNA

L’Università Popolare di Como 

in collaborazione con l’associazione Memoria Condivisa

in occasione del trentesimo anniversario della Strage di Bologna

2 agosto 1980

2 agosto 2010

intende ricordare che fra le vittime della strage ci furono anche tre nostri concittadini, la famiglia Mauri, padre, madre e un figlioletto di 6 anni.

La manifestazione avverrà lunedì 2 agosto dalle ore 10 in piazza San Fedele.

Alle 10,25 – ora in cui esplose la bomba – il campanile della Basilica suonerà 85 rintocchi di campana, tanti quante furono le vittime della strage.

Non sono previsti discorsi, letture o canti. Le porte della Basilica resteranno aperte per permettere, a chi lo desidera, di entrare per un minuto di raccoglimento.

La scelta della Basilica di San Fedele è dettata da alcune circostanze: lì Carlo Mauri e Anna Bosio furono battezzati, cresimati e comunicati, lì si unirono in matrimonio e lì, insieme al figlioletto Luca, il 5 agosto 1980 ricevettero l’estremo saluto.

Sebbene organizzata da un gruppo di amici, la manifestazione comasca in memoria della Strage di Bologna vuole coinvolgere il maggior numero di cittadini, Enti e Istituzioni pubbliche.

L’ANPI di Como aderisce alla manifestazione e chiede la partecipazione di tutti i suoi iscritti.

Duole qui ricordare che lo scorso anno, su volere del sindaco Stefano Bruni, la locale amministrazione disertò la manifestazione organizzata a Bologna con la motivazione che ci sarebbero stati dei fischi in direzione del ministro Bondi.

 

PASSATO E PRESENTE DELL’ANTIFASCISMO

MILANO, 11 NOVEMBRE 2009  ORE 18,30-21

PUNTO ROSSO, via G. Pepe ( ang. via Carmagnola) MM2 – Garibaldi

In occasione della presentazione del libro:

MEMORIE D’AGOSTO,

LETTURE DELLE BARRICATE ANTIFASCISTE DI PARMA DEL 1922

di William Gambetta e Massimo Giuffredi

ed. Punto Rosso/ Archivio storico della Nuova Sinistra “Marco Pezzi”/ Centro Studi Movimenti ( Parma)

DIBATTITO: PASSATO E PRESENTE DELL’ANTIFASCISMO

interverranno:

Giorgio Galli (politologo)

Saverio Ferrari ( saggista, Osservatorio Democratico delle Nuove Sinistre)

William Gambetta ( storico e curatore del libro)

Massimo Giuffredi ( storico e curatore del libro)