CIAO DON|

Don Gallo - 06521-1

E’ passato un anno dalla scomparsa di don Andrea Gallo, il prete partigiano.

Sorriso, sciarpa rossa e sigaro sempre in bocca. Così era Don Gallo, il prete indomito che aveva scelto di stare con gli ultimi. Gridava ai giovani: «Alzate la testa! Voi siete il futuro», ricordava alle piazze l’importanza della democrazia, cantava Bella Ciao durante la messa e predicava il sesto Vangelo, quello «secondo De André».

Ricordava a tutti l’importanza del Vangelo e della Costituzione.

E poi le sue battute, gli scherzi, il suo modo di saper prendere la vita con gioia e allegria, la sua inesauribile energia,l’aiuto che ha saputo dare a chi ne aveva bisogno, agli emarginati, a quellitroppo spesso dimenticati dalla società

L’Anpi lo ricorda con affetto e rimpianto. Ci manchi, Don!

https://www.youtube.com/watch?v=do5gaOIAPYQ

 

Don Andrea Gallo è stato un presbitero e partigiano italiano, di fede cattolica e ideali comunisti, anarco-cristiani e pacifisti, prete di strada fondatore e animatore della Comunità di San Benedetto al Porto di Genova. ( Da Wikipedia)

70° ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELL’ANPI

70° anniversario della fondazione dell’ANPI

 

Il 6 e 7 giugno p.v. l’ ANPI celebrerà a Roma il 70° anniversario della sua fondazione, che avvenne appunto il 6 giugno 1944, in Campidoglio, a soli due giorni dalla liberazione della città Roma. I promotori, partigiani delle formazioni cittadine e delle brigate che avevano operato a ridosso dei due fronti, di Cassino e Anzio, nel deporre le armi e dedicarsi all’avvio della democrazia nella città ritornata capitale d’Italia, vollero creare un sodalizio che riunisse i reduci, fosse di sostegno ai familiari dei caduti, promuovesse gli ideali patriottici, di libertà e solidarietà umana che avevano animato la Resistenza e spinto molti di loro ad unirsi ai combattenti del rinnovato esercito italiano integrato nelle forze armate alleate. A tali propositi l’ANPI è stata coerentemente fedele in questi 70 anni di vita repubblicana, perseguendo il bene comune, nel nome dei valori democratici che la Costituzione ha recepito dagli oppositori al regime fascista e dal popolo italiano che nella grande maggioranza ha espresso e sostenuto la lotta partigiana contro occupanti nazisti e collaborazionisti subendo anche innumerevoli stragi, persecuzioni di innocenti ed atti di vera barbarie.

A partire dal 2006, l’ANPI si è poi arricchita della presenza e partecipazione attiva di molti “antifascisti” che si riconoscevano nelle sue finalità statutarie e di tantissimi giovani. Ciò ne fa oggi una prestigiosa garante del rispetto, difesa ed attuazione della Costituzione e dei valori che in essa sono espressi. Una garanzia che nasce non solo dalla presenza di più di 130.000 iscritti, ma anche dalla autorevolezza di un’Associazione che è stata definita, in un importante documento giudiziario, come “erede e successore” dei valori resistenziali. Insomma, un’Associazione fortemente radicata nel migliore passato del nostro Paese, ma che guarda costantemente al futuro, nella speranza che si realizzino al meglio i sogni, le attese e le speranze dei combattenti per la libertà.

Nel pomeriggio di venerdì 6 giugno a partire dalle ore 17 avvieremo solennemente la celebrazione nella Sala Protomoteca del Campidoglio a Roma, Città medaglia d’oro al valor militare del Risorgimento e della Guerra di Liberazione. Qui alla presenza di Istituzioni, Autorità, associazioni, cittadine e cittadini, e dirigenti dell’Associazione, l’ANPI rinnoverà l’impegno di servizio alla comunità con l’apporto delle nuove generazioni che ne assicurano e assicureranno la continuità.

È in corso di definizione il programma del giorno 7 giugno. Ne daremo conto presto su questa pagina.

COMO/LECCO PROSSIME NIZIATIVE

VENERDI’ 23 MAGGIO

COMO,VIA BRAMBILLA 39

ORE 17,30

Biblioteca dell’Istituto di Storia Contemporanea “Pier Amato Perretta”


Per il ciclo di seminari ” L’incerto futuro del passato” Resistenza e lotta politica a Como 1943-1945

Marco Pippione, Como dal fascismo alla democrazia

Rosaria Marchesi, C’era la guerra

(Valido anche come corso d’aggiornamento per insegnanti) Relatori Gerri Caldera e Rosaria Marchesi

Ingresso libero

 

SABATO 24 MAGGIO

LECCO, VIALE LOMBARDIA 7

ORE 17,30

Circolo Arci Promessi Sposi

Le reti per la fuga, l’espatrio e l’occultamento dei militari alleati e degli ebrei. Bergamo-Lecco-Como la frontiera della Svizzera

Organizzano: ‘Associazione Banlieue con la collaborazione del Circolo Arci Promessi Sposi di Lecco

Aderiscono: L’ Istituto di storia della Resistenza e contemporanea di Bergamo. L’ Istituto di storia contemporanea di Como. Il Centro Studi Schiavi di Hitler di Cernobbio, Aned di Sesto San Giovanni/Monza,

Ingresso libero

LOMAZZO, 8 MAGGIO

alt

ANPI SEPRIO

8 MAGGIO, ORE 21

LOMAZZO

SALA COLMEGNA, PIAZZA VOLTA


NESSUNO MI HA FERMATA – Antifascismo e Resistenza nell’esperienza delle donne del comasco 1922-1945 Relatrice Roberta Cairoli (autrice del libro)

Ingresso libero