GUERRA IN ETIOPIA

L’uomo nuovo fascista

Satira di regime
Italia, 1935-1936. Cartolina umoristica disegnata da E. Ligrano.

Nel 1935-1936, tra le truppe italiane impegnate in Etiopia circolò un pacchetto di otto vignette satiriche, disegnate dal pittore Enrico De Seta. Pur essendo ben piccola cosa, nel quadro più ampio della propaganda fascista, esse rappresentano una specie di picco, nell’ambito della mentalità razzista che il regime stava elaborando, e che di lì a poco (nel 1938) avrebbe proposto agli italiani. Il primo dato che colpisce nelle cartoline illustrate da De Seta è la schiettezza, l’assenza di ipocrisia. La costruzione dell’impero è privata di qualsiasi missione civilizzatrice dell’uomo bianco. Questi, al contrario, è presentato come un soggetto che si reca in Africa perché può trovare a buon prezzo tutto ciò che gli manca in Europa: sesso, prestigio, potere.

In questo materiale satirico, gli africani sono privati di qualsiasi umanità. Le donne sono merce, oggetti da comprare e persino spedire come pacchi postali, mentre gli uomini sono guardati come animali. Il caso limite si avrà nell’equiparazione tra abissini ed insetti, quasi a giustificare che il gas sia l’arma più efficace (e opportuna) nei loro confronti.

In una vignetta disegnata da E. Ligrano, il negus è disprezzato secondo modalità che richiamano alla memoria lo squadrismo e il frequente ricorso che esso faceva all’olio di ricino come strumento per neutralizzare e umiliare gli avversari politici. In verità, al sovrano etiopico è somministrata della benzina: un trattamento che lascia trapelare la disponibilità all’eliminazione radicale di tutti coloro che si oppongono al nuovo dominio italiano e fascista. Il tutto accompagnato da un’esclamazione beffarda, non priva di precoci risvolti antisemiti (Bevi figlio di… Giuda).

Il regime educatore

Mussolini era fermamente convinto che non si poteva conquistare e conservare un impero, se la nazione impegnata in quell’impresa non aveva una fortissima consapevolezza della propria perfezione e della propria grandezza.

Occorreva ri-educare da zero gli italiani e costruire l’ uomo nuovo fascista, cioè costruire una sorta di nuova stirpe di conquistatori e di padroni, capaci di imporsi agli altri popoli proprio perché sicuri della loro superiorità. In questo impegnativo e grandioso processo finalizzato a rimodellare il carattere nazionale degli italiani, occorreva spazzare via qualsiasi sentimentalismo, per trasformare gli italiani stessi in veri fascisti.

L’italiano tradizionale doveva sostituire l’affetto per la mamma e la famiglia, con la dedizione appassionata al Duce e alla Patria; il mandolino (una vera ossessione di Mussolini, che nel 1935 vietò ai giornali di pubblicare fotografie di soldati italiani al fronte, mentre erano impegnati a suonare chitarre o mandolini), col moschetto; gli ideali cristiani di bontà e di amore per il prossimo, con la durezza e, là dove necessaria, la spietatezza.

Nel medesimo tempo, il regime disapprovò con energia sempre maggiore i risvolti erotici e le allusioni sessuali presenti nella propaganda razzista. Conquistatore e suddito dovevano restare separati, senza mescolanze e fraternizzazioni di alcun genere.Approfondimenti

  • Razza e Impero Il legame strettissimo esistente tra conquiste coloniali e politica razzista venne messo più volte in luce da Mussolini e dalla stampa fascista. Il Duce era convintissimo che gli imperi potevano durare nel tempo solo se i conquistatori avevano una fortissima consapevolezza della propria superiorità e se non si univano ai popoli dominati. La prevenzione della piaga del meticciato divenne un tema ricorrente e ossessivo, nei discorsi e nelle dichiarazioni di Mussolini. Il passo che riportiamo è tratto dal Libro del fascista e si presenta come una specie di catechismo razziale, finalizzato a spiegare con espressioni semplici la svolta razzista e antisemita operata dal fascismo dopo la conquista dell’impero.
  • Zoom immagineItalia, 1935-1936. Cartolina umoristica disegnata da E. Ligrano

Dal sito: cittadinanza attiva in assemblea