GIOVANI D’EUROPA AL COLLE DEL LYS

I GIOVANI D’EUROPA S’INCONTRANO AL COLLE DEL LYS

Colle del Lys 6 – 7 luglio 2013. LA SCELTA.

68° anniversario della lotta di liberazione.


I giovani d’Europa s’incontrano al Colle del Lys (Torino).


Il programma

SABATO 6 LUGLIO

09,30 – ESCURSIONE al Colle della Portia. Organizzata dalla Federazione Italiana Escursionismo.

15,00 – GARA CICLISTICA. Rubiana – Colle del Lys. Organizzata da Vallesusa-

17,00 – ECOMUSEO DELLA RESISTENZA “Carlo Mastri”. Inaugurazione della mostra: “Le ragioni di una scelta nelle fotografie della Resistenza”- realizzata dall’Associazione “Contesti” di Torino.

Segue una visita guidata a cura dei promotori della mostra-
19,30 CENA presso la tensostruttura sul piazzale.

21,30 UNA NOTTE AL COLLE, FIACCOLATA sui sentieri della Memoria.

GRANDE CONCERTO con Polveriera Nobel – Egin – Nuju

DOMENICA 7 LUGLIO

9,00 ASSEMBLEA DEI RAPPRESENTANTI DELLE ISTITUZIONI.
Saluti e interventi.
Comitato Resistenza Colle del Lys, Anpi, Provincia di Torino, On. Umberto D’Ottavio, Oreste Perri, Sindaco di Cremona.
Presiede Gianni Oliva, storico.
Firma del libro d’onore.

10,30 CERIMONIA. Saluto dei Sindaci di Rubiana e Viù. Deposizione fiori al monumento dei 2024 Caduti
Onori Militari
Arrivo della fiaccola della Libertà dal Martinetto di Torino
Accompagnamento Banda Musicale “G. Perotto” di Villar Dora.
Scoprimento targa dedicata al partigiano Enrico ‘Kiro’ Fogliazza.

11,30 ORAZIONI
Saluti
Roberto Placido Vice Presidente Consiglio Regione Piemonte e Presidente Comitato regionale Resistenza e Costituzione.
Antonio Ferrentino Consigliere Provincia di Torino e Sindaco Comune di Sant’Antonino.
Cesare Alvazzi Del Frate, partigiano
Ivano Piazzi, partigiano.

13,00 PRANZO sotto la tensostruttura allestita sul piazzale.
15,00 PASSEGGIATA RIEVOCATIVA con letture sui sentieri della Memoria organizzata da Vallesusa.
16,00 RASSEGNA “Voci dei luoghi. Guerra e Resistenza. 1940-1945. Parole e Musica”. organizzato dal Consiglio Regionale del Piemonte
attraverso il Comitato regionale Resistenza e Costituzione, in collaborazione con UNCEM e Comitato Resistenza e Costituzione della Provincia di Torino.

MERCATINO DEI PRODOTTI TIPICI.

Tel. 0119532286 – Fax 0114440114 – www.colledellys.it – segre@colledellys.it

COMUNICATO DI LIBERTA’ E GIUSTIZIA

COMUNICATO

Come era prevedibile e come sempre accade quando si parla di riforme invasive della Costituzione, si sa da dove si parte ma non dove si finisce. L’emendamento del Pdl che chiede di inserire il capitolo “giustizia” nel ddl sulle riforme costituzionali è un salto nel buio e chi ci sta è un apprendista stregone.


Libertà e Giustizia.

La Presidenza.

Roma, 27 giugno 2013

NO AGLI F- 35

Uno di questi o 143 asili?
Leggi il Dossier di Familia Cristiana on line sugli F35
a cura di Alberto Chiara e Luciano Scalettari

http://www.famigliacristiana.it/articolo/le-prime-vittime-degli-f-35-il-welfare-e-il-pd-.aspx

********

Flavio Lotti: “Ma lo shopping è già cominciato”

Intervista di Alberto Laggia

«Sapevamo dell’acquisto dei primi tre aerei, ma fonti americane precisano che i velivoli comprati in realtà sarebbero già una decina», svela il coordinatore della Tavola della pace.

«Una vera sospensione dell’operazione F-35, che consenta un’indagine conoscitiva parlamentare, potrebbe essere per noi una buon compromesso, a patto che sia accompagnata da una richiesta di chiarimento urgente ai militari e ai responsabili degli acquisti delle Forze Armate. Troppe volte, anche in questa vicenda, il Parlamento è stato tenuto all’oscuro o messo a conoscenza a cose fatte da parte delle autorità militari.
Sapevamo che erano stati ordinati i primi tre aerei. Da notizie provenienti dagli Usa ci risulta, però, che l’ordine di acquisto riguardi in realtà una decina di cacciabombardieri. Ciò non può più accadere».

Questo il primo commento di Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della Pace, alla vigilia della discussione in parlamento sulla mozione dei 163 (M5S, Sel, Pd e Scelta civica) che chiede l’uscita dell’Italia dal programma Joint Strike Fighter.
Il portavoce della Tavola stigmatizza anzitutto il comportamento del ministro della Difesa Mario Mauro ( Compagnia delle Opere, n.r.).  «E’ un fatto grave che ancora una volta il ministro assuma in toto le posizioni degli alti vertici della Difesa e dell’Aeronautica Militare in particolare. Da un ministro appena insediato ci si aspetterebbe, invece, un atteggiamento più coerente col mandato del governo di cui fa parte, che sta cercando di rivedere complessivamente la spesa pubblica. Il nostro ministero della Difesa dal giorno in cui è caduto il muro di Berlino non ha ancora avuto il coraggio di rivedere nessuno dei programmi d’armamento che erano stati decisi prima della fine della “guerra fredda”».
E chiude con una battuta: «Quanto tempo dovremmo attendere ancora un ministro con la personalità di un Aldo Capitini che adotti una nuova idea di sicurezza che non metta in primo piano gli interessi della lobby militare-industriale, ma la sicurezza vera delle persone?».
La riflessione di Lotti si rivolge, poi, all’odierno dibattito interno al Pd riguardo alla vicenda…..

L’articolo continua su http://www.famigliacristiana.it/articolo/flavo-lotti-tavola-della-pace-ma-lo-shopping-e-gia-cominciato.aspx