MILANO, 2 GIUGNO

2 giugno: REPUBBLICA, COSTITUZIONE, LAVORO


MANIFESTAZIONE UNITARIA CGIL-CISL-UIL e Comitato “2 Giugno insieme per la Costituzione”

MILANO 2 GIUGNO 2013 – ore 9,30

Teatro San Babila – Corso Venezia, 2a

Intervengono

Giorgio Benvenuto, Presidente Fondazione Bruno Buozzi

Susanna Camusso, Segretario generale CGIL

Roberto Cenati, Presidente ANPI Milano

Walter Galbusera, Segretario generale UIL Milano-Lombardia

Valerio Onida, Presidente Emerito Corte costituzionale

Gigi Petteni, Segretario generale CISL Lombardia

Basilio Rizzo, Presidente del Consiglio comunale di Milano

Coordina Natascha Lusenti, giornalista

Hanno aderito: ANED, ANPC, ANPPIA, FIAP

2 Giugno 2013

Viva la Costituzione,

Viva la Repubblica fondata sul Lavoro!

La Repubblica e la Costituzione italiana sono legate in un rapporto indissolubile. Hanno radici comuni nella nostra storia e in particolare nella Resistenza:

Il 2 giugno è la Festa della nascita della Repubblica e della Carta Costituzionale.

La Costituzione ha consacrato sentimenti, speranze, valori profondamente radicati, in cui si riconoscono tutti gli italiani.

Essa è il frutto del lavoro unitario della costituente, ma non può essere ridotta al semplice compromesso tra partiti da mutare ad ogni stormir di fronde:

La Costituzione è base della nostra libertà.

In essa sono scolpiti i pilastri della nostra democrazia:

– i diritti umani e la partecipazione della cittadinanza alla vita sociale e politica;

– la passione egualitaria, cioè la passione verso i diritti di cittadinanza, egualmente riconosciuti a tutti.

– l’autonomia e la separazione dei poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario), compreso quello dell’informazione; e la loro indipendenza, la loro laicità e l’equilibrio tra di essi.

La Costituzione è come un albero, radicato nella terra in cui nasce e cresce. Si può potarlo o innestarlo, ma non si può sradicarlo dalla sua terra, senza farlo morire; la sua terra è il Lavoro!

Oggi un’equivoca cultura della libertà dei mercati sta sprofondando il nostro paese e l’Europa intera in una spirale recessiva senza termine che mette in discussione il primo fondamento della Carta Costituzionale e della Repubblica, il suo primo articolo:

L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

e il suo imperativo corollario che nel terzo articolo prevede:

È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Le riforme per rinnovare l’Italia non possono prescindere da Lavoro e Giustizia Sociale.

Per queste ragioni invitano tutti coloro i quali si riconoscono nei principi fondamentali della Carta Costituzionale e nella sua attualità a sottolineare il suo legame con il Lavoro festeggiando insieme Repubblica, Costituzione e Lavoro domenica 2 giugno a Milano presso il teatro San Babila, c.so Venezia 2a con inizio alle ore 9,30.

Saranno con noi insieme a Natascia Lusenti: Valerio Onida, Roberto Cenati, Giorgio Benvenuto, Susanna Camusso, Basilio Rizzo, Gigi Petteni.

Comitato 2 Giugno Insieme per la Costituzione

(Acli, Arci, Anpi, associazione Adesso Basta, Associazione culturale Punto Rosso, Casa della Carità, Casa della Cultura, CGIL, Libera, Libertà e Giustizia)

PIACENZA, FESTIVAL DELLE RESISTENZE

Piacenza – centro – Si aprirà ufficialmente venerdì 31 maggio alle 17, nella cornice della Cappella Ducale di Palazzo Farnese, il Festival delle Nuove Resistenze, promosso da Anpi Piacenza e in particolare dal Comitato giovanile


Programma

venerdi

Cappella Ducale, ore 17.00

Inaugurazione

Via ai lavori per il Festival delle Nuove Resistenze 2013 con il presidente Anpi provinciale Piacenza Mario Cravedi e l’assessore Paola Beltrani

Cappella Ducale, ore 17.30

Yaku – La visione dell’Acqua

Incontro sul tema Il cammino dell’acqua con Francesca Caprini (associazione Yaku- Trento)

Palazzo Farnese area verde lato Daturi, ore 19.00

Anpi Hour

La nuova agricoltura: bio, sociale, solidale
Esperienze di contadini resistenti dal nord al sud del mondo. Buffet a km 0 e prodotti del commercio equo.

Cortile di Palazzo Farnese, ore 21.00

Notte della taranta e degli ottoni

Domo Emigrantes
Tarantelle, pizziche, tammuriate e canti popolari dall’Italia del sud
Nema Problema Orkestar
Balkan band

sabato

Cappella Ducale, ore 10.00

Ricordando Pio La Torre

Incontro pubblico con Franco La Torre, rappresentanti della cooperativa Pio la Torre e ragazzi dei campi della legalità per ricordare il sogno di ieri e le resistenze dell’oggi

Cortile di Palazzo Farnese, ore 11.30

Un’idea di Europa

Letture e riflessioni a partire dalle lettere dei condannati a morte della Resistenza europea. Ne discutono Gianni D’Amo e Piergiorgio Bellocchio

Cappella Ducale, ore 16.00

Cultura e resistenza

Giulio Cavalli attore e autore di teatro civile,

Daniele Sanzone voce degli A67 e Ciro Corona di (R)esistenza Anticamorra curatori del libro Scampia Trip

Palazzo Farnese area verde lato Daturi, ore 19.00

Anpi Hour

aperitivo con incontro: Stefania Cherchi protagonista dell’esperienza della libreria femminile Le due lune intervistata da Betty Paraboschi.

Cortile di Palazzo Farnese, ore 21.00

No(t)te Antimafia

A67
Folk rock anticamorra da Scampia

domenica

Cappella Ducale, ore 10.30

Disarmiamo il mondo, restiamo umani

Scelte individuali e percorsi collettivi per resistere a guerre e militarismo. Incontro con Giancarla Codrignani, già parlamentare, tra le figure più rappresentative della cultura e dell’impegno per la pace e la non violenza. Un volontario di Operazione Colomba Corpi civili di pace dell’associazione Papa Giovanni XXIII
A seguire aperitivo in musica con Franco Fornasari, storico obiettore di coscienza piacentino

Cortile di Palazzo Farnese, ore 14.00

Assemblea Anpi

Anpi cambia e si confronta aprendo un dialogo con antifascisti, iscritti e comitati di tutta Italia.

Palazzo Farnese, ore 17.00

La mia storia di clandestino

Incontro/concerto con Antun Blazevic.

2 GIUGNO, GIORNATA NAZIONALE PER LA CITTADINANZA

 2 giugno Giornata Nazionale per la Cittadinanza

Cari e care,

il comitato promotore nazionale della campagna L’Italia sono anch’io ha incontrato lo scorso 3 maggio la Presidente della Camera Laura Boldrini per promuovere e sostenere il percorso parlamentare delle nostre due proposte di legge di iniziativa popolare. La Presidente Boldrini si è impegnata a sollecitare la calendarizzazione della discussione delle nostre due proposte di legge che considera particolarmente rilevanti proprio perché frutto di una raccolta di firme di più di 230 mila cittadini e cittadine.

La Presidente della Camera ha sostenuto la necessità di una modifica dei regolamenti della Camera per dare visibilità al percorso delle leggi di iniziativa popolare nel dibattito parlamentare in modo che tutti i cittadini, in particolari i proponenti possano seguire l’iter.

A seguito di questo incontro, anche in considerazione del fatto che ci troviamo di fronte un Parlamento molto diverso dal precedente, riteniamo necessario rilanciare le ragioni della nostra comune battaglia sia per riattivare, ovunque sia possibile, i comitati locali, che per provar a fare pressione nei confronti di deputati e senatori, oltre che del Governo, sostenendo nel contempo la Ministro Kyenge, la prima Ministro di origine straniera, per ottenere in questa legislatura una riforma possibile e non di facciata della legislazione.
Per questo vi proponiamo di promuovere le Giornate Nazionali per la Cittadinanza intorno al prossimo 2 giugno, Festa della Repubblica.

Ciascun comitato potrebbe promuovere mobilitazioni ed eventi che coinvolgano in particolare i giovani di origine straniera, ove possibile in collaborazione con i sindaci a cui chiediamo di riconoscere la cittadinanza simbolica a ragazzi e ragazze di origine straniera in una cerimonia pubblica.
Vi sollecitiamo quindi a programmare eventi ed iniziative in tutte le città e a comunicare gli appuntamenti in modo da poter consentire una comunicazione unitaria della nostra mobilitazione e un effetto positivo sull’opinione pubblica, sulla stampa e quindi anche sul Parlamento.

Vi informiamo inoltre che stiamo avviando un allargamento della nostra campagna a livello europeo, a partire dal manifesto che trovate in allegato.

Nei prossimi giorni incontreremo un gruppo di deputati e senatori che hanno costituito un intergruppo su immigrazione e asilo per individuare con loro le riforme possibili in questa legislatura e le azioni comuni per raggiungere l’obiettivo.

A breve sul sito della campagna (www.litaliasonoanchio.it) potrete di nuovo leggere tutti gli eventi. Vi invitiamo a segnalarci sempre tutte le iniziative in modo da poter dare visibilità al nostro comune impegno.

Un caro saluto
il Comitato nazionale Scritto il Categorie Senza categoria

CORDOGLIO PER FRANCA RAME

Cordoglio e commozione per la scomparsa di Franca Rame, straordinaria attrice e grandissima donna, una sincera antifascista sempre impegnata in primo piano nelle battaglie politiche e civili.

Una grande perdita per l’Italia e il mondo intero.

MILANO, IL NEGAZIONISMO E’ UNA STORIA DI MENZOGNA

MILANO, 3 GIUGNO

MEMORIALE DELLA SHOA DI VIA SAFRA, 1

ORE 20,30

IL NEGAZIONISMO E’ UNA STORIA DI MENZOGNA

Il Circolo Carlo Rosselli in collaborazione con CDEC, INSMLI, Associazione Italia-Israele di Milano, ANPI, FIAP, Comunità Ebraica di Milano, Fondazione del Memoriale della Shoah di Milano, organizzano per Lunedì 3 giugno 2013 ore 20,30 presso Memoriale della Shoah di Piazza Edmond J. Safra 1 • Milano presentazione del libro di Claudio Vercelli: “Il negazionismo – Storia di una menzogna”.

Ne discutono con l’Autore:
Michal Navoth esperta in diritto internazionale
Liliana Picciotto storica CDEC
Valentina Pisanty università di Bergamo
Milena Santerini università cattolica di Milano
Modera Ferruccio de Bortoli

Posti limitati.
È richiesta la prenotazione.
Per prenotarsi, inviare una mail all’indirizzo info@figlidellashoah.org specificando nome, cognome e indirizzo e-mail.