L’ANPI CON FREEDOM FLOTTILLA

         Ciao, l’Anpi di Como ha derito all’appello.

Le otto-dieci navi della “Freedom Flotilla II – Stay Human”, diretta a Gaza con a bordo aiuti umanitari, giocattoli, materiale scolastico e medicinali, salperanno nei prossimi giorni. L’obiettivo è accendere l’attenzione del mondo sull’embargo israeliano alla popolazione palestinese della Striscia di Gaza. E per mantenere alta l’attenzione, la Freedom Flotilla Italia metterà in funzione un punto informativo con l’obiettivo di diffondere in tempo reale le notizie sulle navi in viaggio verso Gaza, minacciate dalla Marina Militare israeliana che per bocca del suo comandante, l’ammiraglio Eliezer Marom, ha annunciato che la Flotilla sarà bloccata in alto mare e non sarà permesso ad alcuna imbarcazione di raggiungere le coste di Gaza. A maggio dello scorso anno, la prima Freedom Flotilla fu arrembata da commando d’Israele e nove attivisti turchi rimasero uccisi nell’attacco.
“La tragedia sanguinosa consumatasi di fronte a Gaza, in Palestina, ha caratteri di un’efferatezza cieca. Si è sparato sulla solidarietà, sul soccorso umanitario. L’ANPI, fedele custode degli ideali di giustizia, libertà e pace che hanno animato la Resistenza alla dittatura nazifascista, s’impegnerà e impegnerà tutte le sue strutture territoriali ad avviare una grande operazione di sensibilizzazione delle coscienze per dire BASTA. Via l’embargo da Gaza. PACE in Medio Oriente. Due popoli, due Stati. Tutti dobbiamo sentirci coinvolti. Tutti. O non cambierà nulla. SEGRETERIA NAZIONALE ANPI. Roma, 4 giugno 2010”.
Sulla base di questa netta presa di posizione dell’ANPI, relativa alla prima spedizione umanitaria “Freedom Flotilla”, chiediamo all’ANPI nazionale il patrocinio non oneroso dell’iniziativa e la possibilità di applicare il logo ANPI sulle navi della spedizione umanitaria “Freedom Flotilla II – Stay Human”.
Le navi in partenza per Gaza porteranno tra 500 e 600 attivisti provenienti da 22 diversi Paesi del mondo. Non mancheranno gli statunitensi, ed in particolare gli ebrei statunitensi che saranno circa il 28% dei 36 passeggeri della “The Audacity of Hope” (la nave statunitense). “È importante che ci siano ebrei nella nave – ha detto Richard Levy, avvocato ebreo di New York citato dall’agenzia palestinese Ma’an News – La lobby filo-israeliana nel nostro Paese è molto potente. Non possiamo sostenere l’assedio israeliano, moralmente e giuridicamente inaccettabile”. “L’iniziativa della Freedom Flotilla – spiega in un comunicato il Coordinamento Nazionale della Freedom Flotilla Italia –, di cui è parte la nave italiana “Stefano Chiarini”, è assolutamente legale e non violenta”.
Vittorio Arrigoni, orgoglioso nipote di nonni partigiani, reporter, pacifista e cooperante internazionale, ha partecipato a numerose missioni umanitarie (Europa dell’Est, Africa, Medioriente); per il periodo dell’operazione militare “Piombo Fuso” (dicembre 2008 – gennaio 2009) è stato l’unico giornalista internazionale presente nella Striscia di Gaza, territorio nel quale da anni operava come scudo umano per consentire ai contadini di lavorare i loro campi e ai pescatori di stendere le reti sul loro mare. Poco prima di essere rapito e ucciso (15 aprile 2011) si stava preparando al rientro in Italia, da dove si sarebbe imbarcato alla volta di Gaza con le navi della spedizione umanitaria Freedom Flotilla II, che in suo ricordo ha deciso di rinominarsi “Stay Human” (“Restiamo Umani”, infatti, erano le parole con le quali Vittorio Arrigoni concludeva i suoi interventi dalla martoriata Striscia di Gaza, la prigione a cielo aperto più grande e popolata del mondo).
In questa fase in cui da più parti, Amministrazione Obama in primis, si invoca la creazione di uno Stato palestinese eretto sui confini del 1967 (comprendenti Striscia di Gaza e Cisgiordania, territori oggi occupati illegalmente da Israele) che viva in Pace col vicino Stato di Israele, ci sembra doveroso sostenere ogni iniziativa di Pace volta a perseguire tale storico obbiettivo.
 
Le sezioni ANPI locali che volessero unirsi a noi nella richesta per l’ANPI nazionale per favore mandino un email a:
anpisarzana@gmail.com
 
 
Hanno già dato il proprio sostegno alla “Freedom Flotilla II – Stay Human”:

Ettore Arrigoni, Egidia Beretta e Alessandra Arrigoni
 
Moni Ovadia
Giovanna Marini, Scuola di Musica Popolare di Testaccio
Luigi de Magistris – Sindaco di Napoli
Vincenzo Vita – Senatore gruppo PD
Silvana Amati – Senatrice gruppo PD
Paolo Nerozzi – Senatore gruppo PD
Roberto Di Giovan Paolo  – Senatore gruppo PD
Giuseppe Giulietti – Senatore gruppo Misto
Luisa Morgantini, già Vice Presidente del Parlamento Europeo, Associazione per la pace
Padre Alex Zanotelli – Missionario Comboniano
Lucio Manisco, ex parlamentare europeo
Raffaella Bolini – Presidenza Nazionale ARCI
Vittorio Agnoletto, ex parlamentare europeo
Nandino Capovilla, Pax Christi Italia
On. Prof. Leoluca Orlando – Presidente Commissione Errori Sanitari – Portavoce IDV
Angelo Bonelli, Presidente della Federazione dei Verdi
Giulio Cavalli, Consigliere Regione Lombardia dell’Italia dei Valori
Alessandra Mecozzi – Responsabile internazionale Fiom-Cgil
Domenico Gallo (magistrato)
Fabio Marcelli, primo ricercatore Istituto studi giuridici internazionali del CNR, dirigente dei Giuristi Democratici
Giulietto Chiesa – Presidente del Laboratorio Politico “Alternativa”
Miriam Marino – Rete Ebrei contro l’Occupazione (ECO)
Marco Ramazzotti Stockel, ECO – Rete Ebrei contro l’Occupazione e EJJP – European Jews for a Just peace
Ciro Pesacane – Presidente nazionale associazione Forum Ambientalista
Patrizia Cecconi – Presidente Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese
Stefano Leoni – Presidente WWF
Santos Martini – Pax Christi Italia
Giorgio Cremaschi –  Fiom
Maurizio Musolino, responsabile Medio oriente Pdci- Fds
Marco Furfaro – Responsabile Movimenti, Presidenza nazionale Sinistra Ecologia Libertà
Francesco Francescaglia – Responsabile Esteri Partito dei Comunisti Italiani –Fds
Andrea Satta – Tetes du Bois
Massimiliano Casacci – Subsonica
Andrea  Frova – Fisico, Professore Emerito presso l’Università La Sapienza di Roma
Mariapiera Marenzana, scrittrice saggista
Giorgio Parisi – Docente di Fisica Teorica presso l’Università La Sapienza di Roma
Loretta Mussi, Presidente di Un ponte per…
Antonia Sani-presidente della WILPF Italia
Valerio Barbini – Coordinatore Provinciale Sinistra Ecologia Libertà – Genova
Elena Tagliani – Resp. Comunicazione SEL Bologna
Gennaro Carotenuto, docente all’Università di Macerata
Milò Bertolotto, Provincia di Genova, Assessora al Personale, Sistemi Informativi, Carceri, Iniziative per la Pace
Maria Enrica Palmieri (docente AND, AFAM) Bice Parodi e Paolo Palazzo – Associazione Senza Paura Genova
Maria Carla Biavati e Maurizio Cucci – Berretti Bianchi onlus
Ornella Clementi – Donne in nero Milano
Corinna Vicenzi, Donne in Nero Grosseto
Luisa Randi, Donne in nero Ravenna
Alessandro Bocchero (ass. Italia-Nicaragua, Livorno)
Renata Rusca Zargar – Presidente Associazione Culturale Savonese Zacem
Bruno Fini (Associazione per la Pace)
Alessandro Capuzzo – Comitato pace, convivenza e solidarietà “Danilo Dolci” – Trieste
Alfredo Simone, giornalista e operatore Arci
Mario Gazzano – Produzioni Mediterranea
Franco Ragusawww.riforme.info Dr. Barbara Capone – Computational Physics, Universität Wien
Giovanni Forte – Coordinatore Verdi per la Pace e Lista civica Monterotondo (Roma)
Giuliano Girlando – Blogger Fatto Quotidiano
Susanna Casali – ANPI Comitato Provinciale del Lodigiano
Nunzia Scano – Associazione Sardegna Palestina
Elisabetta Filippi – Associazione Zaatar Onlus

DOMENICA 10 LUGLIO TUTTI IN GITA COI PARTIGIANI!!

Domenica 10 luglio, tempo permettendo, tutti in gita coi partigiani di Dongo, sulli sentieri partigiani della 52a Garibaldi!

Colazione al sacco.

In macchina si raggiunge Dongo, superato il ponticello, si seguono le indicazioni  per Garzeno. A Garzeno si sale fino al passo del Giovo ( 1714 m), alla  ex-caserma della finanza, dove sono stati uccisi in combattimento i partigani Giulio Paracchini, Primo Maffioli, Carlo Brenna ed Enrico Conti. Qui si sosta, si fa colazione al sacco e si parla con i partigiani della 52a Garibaldi, che ci racconteranno gli avvenimenti della lotta di Resistenza su quelle montagne.

Dopo pranzato, per chi lo desidera, piccola camminata ( circa 1/2 ora andata e 1/2 ritorno) fino al confine italo-svizzero, per vedere dall’alto i sentieri partigiani.

Att. l’ultimo tratto di strada per raggiungere il passo del Giovo è sterrato e dissestato! Lasciate a casa le vostre auto nuove e soprattutto quelle con la marmitta bassa!


Per ragguagli chiamare Eliana 3297844705 oppure Danilo 335 6253012

VI ASPETTIAMO! SARA’ L’OCCASIONE PER CONOSCERE E RIVIVERE LA NOSTRA STORIA!


In caso di pioggia la gita sarà rimandata

PRESIDIO A MILANO DEI DISABILI

Chi non potesse recarsi alla manifestazione indetta a Roma il 23 giugno dal Forum del Terzo Settore e dalle Associazioni aderenti alla campagna I diritti alzano la voce potrebbe molto opportunamente partecipare al presidio di Milano, in Piazza San Babila dalle ore 11.00, dal quale si staccherà  una delegazione che incontrerà  il prefetto di Milano.
Sarebbe cosa carina riuscire a raggruppare un po’ di persone (con cartelli di riconoscimento, possibilmente) per evidenziare la presenza del nostro Comitato Lombardo per la Vita Indipendente delle persone con disabilità . Di conseguenza chi fosse interessato/a dovrebbe comunicare la sua partecipazione a questo indirizzo affinchè possiamo metterlo in contatto con Emanuela Boriani, nostro punto di riferimento logistico e soprattutto nostra rappresentante della delegazione che incontrerà il prefetto.

DISABILI ANCORA IN LOTTA

Dopo aver esultato per le quattro vittorie che gli italiani hanno conseguito con i referendum, ci aspettano nuove battaglie: sono state ventilate, con la prossima manovra di correzione dei conti pubblici, nuove misure anche ai danni delle persone con disabilità. Invito tutti noi a fare in modo che la manifestazione del 23 giugno a Roma abbia successo!
Inviamo di seguito il comunicato stampa della Fish.

 
 

 

Comunicato Stampa
La riforma fiscale colpirà i diritti civili?
 

Sono giorni di diffusa mobilitazione in difesa dei diritti civili: culminerà con una manifestazione nazionale indetta a Roma il 23 giugno prossimo dal Forum del Terzo Settore e dalle Associazioni aderenti alla campagna “I diritti alzano la voce”, a cui parteciperanno attivamente anche la FAND (Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità) e la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap).
E proprio su tali temi sale, in queste ore, la tensione e la preoccupazione per le dichiarazioni – per ora criptiche e generiche – del Ministro Tremonti a proposito di revisione delle prestazioni e degli assegni sociali nel quadro di un più vasto intervento in ambito fiscale.
“Oltre ad alzare la voce in difesa dei diritti e contro i tagli al sociale, siamo oramai abituati ad alzare anche il livello di attenzione. – commmenta il Presidente della FISH, Pietro Barbieri – Siamo reduci da due anni di interventi indiscriminati sulle politiche sociali per gli anziani, per le persone con disabilità, per le famiglie. Ora temiamo che i tagli siano ancora più mirati e incidano personalmente su chi ha più necessità di supporto.”
Le voci provenienti dal Ministero dell’Economia, infatti, ipotizzano interventi oltre che sulle aliquote di imposizione e sui benefici fiscali (si pensi ad esempio a quelli sui veicoli, sui quali la FISH per prima denunciò gli abusi, ma su cui ora si teme l’ennesima caccia alle streghe), anche di un’azione restrittiva sulle prestazioni sociali. Ma le sorprese negative potrebbero essere anche altre.
Tanto è bastato per innescare l’ulteriore preoccupazione delle Associazioni che già avevano rimarcato la cancellazione progressiva del Fondo per le politiche sociali dal 2012 e di quello per la non autosufficienza già da quest’anno, oltre che di altri interventi a favore delle famiglie.
“Il clima, i toni, il linguaggio usati da Tremonti ci ricordano fastidiosamente quanto già accaduto lo scorso anno in occasione della manovra correttiva e della legge di stabilità: una retrazione di consistenza mai vista dei finanziamenti alle politiche sociali. – prosegue Barbieri – Se queste sono le premesse, i diritti continueranno ad alzare la voce, ma saranno costretti, definitivamente, ad abbassare le ali.”
L’appuntamento del 23 nelle piazze italiane trova un nuovo motivo di mobilitazione, a cui si coniuga un constante monitoraggio delle intenzioni del titolare del Ministero dell’Economia.
 

15 giugno 2011
 

FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap
www.fishonlus.it
www.facebook.com/fishonlus