ENRICO CARONTI

Enrico Caronti nasce a Blevio il 28 aprile del 1901 e muore a Menaggio il 23 dicembre 1944.

Segretario della Federazione Giovanile Socialista, nel 1921 si iscrisse al PCdI. Durante il regime subì diverse volte l’arresto preventivo per le sue idee antifasciste, ma non cessò mai l’attività politica clandestina.

Dopo l’armistizio del 1943 fu tra i primi ad organizzare la Resistenza nel Comasco.

Fu tra promotori degli scioperi del marzo 1944, in seguito ai quali, per evitare l’arresto e la deportazione, dovette  abbandonare la famiglia per  unirsi alle formazioni partigiane dell’Alto Lario.

Con il nome di battaglia “Romolo” divenne commissario politico della 52 Brigata “L.Clerici” e, nell’ottobre successivo, ne assunse il comando.

La notte del 21 dicembre 1944, nel corso di un rastrellamento, fu sorpreso e catturato con altri due partigiani dalle milizie delle Brigate Nere di Menaggio e orrendamente torturato.

Venne infine fucilato, con una scarica di mitra, la notte del 23 dicembre 1944.

 

APPUNTAMENTI

Per ricordare Enrico Caronti nel 65° anniversario della morte:

– Menaggio, 21 dicembre 2009, ore 10,30 – alla commemorazione parlerà, per l’Anpi, il presidente Gugliemo Invernizzi

– Blevio, 23 dicembre 2009, ore 14,30 – davanti al monumento in ricordo di Enrico Caronti,

commemorazione ufficiale organizzata dall’Anpi con il Comune di Blevio. Parlerà, per l’Anpi, il vice presidente Renzo Pigni.